BIBLIOTECA GAMBALUNGA

BIBLIOTECA GAMBALUNGA

Rimini, 400 anni di meraviglie

Esigenza del cliente

Un viaggio nel passato con le tecnologie del futuro

Per documento e meraviglia. Una storia lunga 400 anni è il titolo della mostra allestita nelle sale antiche e alla Galleria dell’Immagine della storica Biblioteca Gambalunga di Rimini, fondata nel 1619 per volere del giureconsulto Alessandro Gambalunga. L'esposizione celebra i 400 anni dell’istituzione, che custodendo e tutelando nei secoli la cultura locale esprime pienamente l'identità della città, i suoi personaggi illustri, la sua gente comune.

I curatori della mostra, la responsabile della biblioteca Oriana Maroni e lo storico Piero Meldini, con il contributo di Maria Cecilia Antoni e Nadia Bizzocchi, hanno voluto affiancare al tradizionale percorso espositivo un'esperienza di engagement digitale, in grado di stimolare un maggiore coinvolgimento nei visitatori. L'obiettivo era di creare un’installazione innovativa, che evidenziasse il rapporto tra la biblioteca e la città attraverso immagini che sono nel cuore di tutti i riminesi.

Concept

Una sala immersiva digitale

Dal dialogo con i curatori della mostra sono emerse due necessità distinte. Da un lato, creare un'esperienza celebrativa di Rimini e della sua storia raccogliendo materiali sonori e visivi, dall'altro mettere a disposizione dei visitatori manoscritti e documenti d'epoca.

Per la prima esigenza, abbiamo immaginato una Camera della Meraviglie, una Wunderkammer in cui lo spazio fisico si estende virtualmente per immergere il pubblico in frammenti di film, immagini, animazioni e musiche in grado di stupire e affascinare, raccontando l'ultimo secolo di vita della città.

Per la seconda, un tavolo interattivo in cui rendere disponibili preziose e accurate riproduzioni digitali di storici codici e documenti che sarebbe pressoché impossibile sfogliare e consultare liberamente nella realtà. La facilità dell'interazione touch, del tutto simile a quella dei comuni smartphone e tablet, che consente di ingrandire e approfondire i contenuti, è un invito alla scoperta e alla lettura, avvicinando i visitatori alla cultura.

Progettazione

Due spazi, due esperienze

A livello progettuale, la sala immersiva è stata posta al piano terra della Biblioteca, alla Galleria dell'Immagine. L'abbiamo progettata come una proiezione continua che copre tre pareti della sala, a comporre una sorta di nastro animato di oltre 16 metri. Insieme ai curatori, abbiamo scelto i contenuti da mostrare e la storia da raccontare, definendo il mood espressivo dell'esperienza.

Al primo piano, invece, si è scelto di collocare il grande tavolo interattivo, in uno spazio che invita alla libera consultazione e incoraggia l'incontro con la storia. Il dispositivo è stato progettato per inserirsi armonicamente nel contesto architettonico della biblioteca, mentre sono stati selezionati insieme ai curatori i contenuti digitali da mettere a disposizione del pubblico.

Produzione

Interagire con la Storia

Per la proiezione al piano terra abbiamo scelto filmati e immagini storiche, creando un video animato con oltre un migliaio di disegni, foto, cartoline d'epoca, illustrazioni, per comporre un affresco storico che copre oltre un secolo: dalla Rimini città di provincia di fine 800, passando per due guerre mondiali, il boom economico, i grandi registi come Federico Fellini, la stagione delle discoteche e il "Divertimentificio" degli anni 90, fino ad arrivare alla capitale del turismo balneare dei giorni nostri. A sottolineare ogni passaggio, una colonna sonora che mescola brani d'epoca per produrre un viaggio nel tempo multisensoriale, che appassiona ed emoziona.

Al primo piano, invece, abbiamo collocato il tavolo interattivo che consente di sfogliare preziosi manoscritti e testi antichi. L'installazione è permanente e consente a libri altrimenti inaccessibili di presentarsi in altissima risoluzione, con la massima fedeltà agli originali. Grazie al software proprietario Touchviewer, i testi prendono vita con la semplice interazione touch, attirando la curiosità del pubblico di ogni età.

Attivazione & Manutenzione

Un patrimonio che si rinnova

La mostra è stata inaugurata con grande successo il 25 ottobre 2019, preceduta da un affollato incontro nella sala della Cineteca a cui hanno preso parte il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, e i curatori dell'esposizione.

“È un evento pensato per leggere la nostra città attraverso il patrimonio della Biblioteca e un sentimento di meraviglia per il sapere” ha dichiarato nell'occasione la responsabile della Biblioteca Oriana Maroni, "...perché la storia e la conoscenza non passano soltanto attraverso i documenti, ma anche dalla creazione di stupore e meraviglia". La mostra resterà aperta fino al 26 gennaio 2020.

Altri progetti interessanti

How Can We Help You?

Compila il form per richiedere informazioni sulle nostre soluzioni e sui nostri prodotti o per richiedere una collaborazione per il tuo nuovo progetto. I nostri esperti ti risponderanno nel più breve tempo possibile.